La diffusione degli esport

Negli ultimi tempi è in costante crescita il numero di giocatori che preferisce effettuare puntate sugli esport. Si tratta di competizioni elettroniche che interessano sia giocatori professionisti che quelli amatoriali.

Gli esport sono delle competizioni che includono più giocatori o squadre di giocatori che si sfidano ai videogiochi. Si tratta di gare particolarmente inclusive, in cui l’unico scopo è quello di superare la concorrenza degli avversari.

Questo fenomeno in ascesa è accessibile a tutti ed è fruibile attraverso qualsiasi piattaforma (PC, console o smartphone).

Negli ultimi tempi si è assistito ad un’evoluzione degli e-sport, tanto da imporsi come un fenomeno internazionale. Si svolge attraverso l’organizzazione di veri e propri campionati e tornei che vedono un crescente numero di appassionati avvicinarsi a questo fenomeno.

Lo sviluppo degli e-sport

Quando gli esport hanno fatto la loro comparsa i giocatori che si sfidavano erano perlopiù amatori dei videogiochi. Non a caso anche i montepremi in palio erano piuttosto poveri rispetto a quelli accessibili oggi.

Il settore degli esport rappresenta un vero e proprio business da milioni di euro, tanto da essere considerata una vera e propria industria che nei prossimi anni potrà registrare guadagni da capogiro.

I giocatori che si cimentano negli esports sono sempre organizzati in squadre. Ad alimentare il business ci pensano gli sponsor e gli allenatori che conferiscono professionalità a questo fenomeno.

Potremmo parlare di scuderie che accolgono in squadra i giocatori più promettenti, facendoli partecipare ai tornei ufficiali.

Ogni torneo ha come obiettivo finale il raggiungimento di uno specifico titolo e un montepremi di tutto rispetto.

In realtà, quello che interessa davvero alle organizzazioni di giocatori di videogame e far conoscere il più possibile gli esport: più questo fenomeno cresce e maggiori saranno gli introiti.

Per diventare un giocatore professionista di esport è necessario farsi notare attraverso le competizioni amatoriali locali. È un po’ quello che succede ai piloti di Formula 1 o di MotoGP che, partendo dalle competizioni minori e locali, riescono ad ottenere risultati positivi e a farsi notare dalle grandi società.

Per diventare un giocatore professionista di videogiochi, una delle qualità più importanti riguarda la capacità di integrarsi in squadra.

A differenza di quello che si potrebbe credere, i giocatori professionisti trascorrono ore ad allenarsi. La fase di training prevede esercizi di tipo sia mentale che fisico.

Inoltre, quando un video-giocatore entra in una di queste scuderie professionali è tenuto a rispettare una serie di impegni che comportano viaggi per il mondo, competizioni off-line e iniziative di partner e sponsor.

I fan degli esport amano guardare i loro giocatori preferiti sfidarsi. Lo streaming è uno dei modi principali per prendere parte, come spettatore, a queste competizioni.

La maggior parte dei tornei e dei campionati di esport vanno in onda in live streaming e usufruiscono di piattaforme come Twitch e YouTube.

I servizi di live streaming stanno vivendo un periodo di crescita esponenziale causato dall’affermarsi di questo fenomeno.

Quali sono i videogames adatti agli esports

Non tutti i videogiochi sono caratterizzati da elementi che li rendono idonei ai tornei o alle competizioni. In effetti non tutti i prodotti di gaming possono essere utilizzati come strumento di battaglia tra due giocatori.

Tuttavia, per poter essere un videogioco da esports è necessario che questo sia periodicamente aggiornato dagli sviluppatori del software e che sia particolarmente apprezzato dal pubblico.

Le competizioni principali di esport avvengono con dei videogiochi che appartengono a diverse categorie:

  • Strategici in tempo reale (RTS),
  • MOBA (Multiplayer Online Battle Arena),
  • FPS (First Person Shooter),
  • Battle Royale,
  • DCCG (Digital Collectible Card Games)

Giochi Sportivi.

I giochi RTS

I giochi RTS sono quei prodotti in cui le azioni si svolgono in maniera simultanea. Questa tipologia di videogiochi prevede che l’azione non sia suddivisa in turni.

In questo modo, ogni giocatore può contemporaneamente fare un’azione. Ogni gamer controlla più unità, dunque non è un unico personaggio.

Tra i più famosi videogames RTS segnaliamo Warcraft e Starcraft.

I giochi MOBA

I videogiochi della categoria MOBA rappresentano delle aree di battaglia online in cui più di un giocatore prende parte alla sfida. Essi rappresentano una sottocategoria dei giochi RTS.

Si tratta di videogiochi multigiocatore, quindi presentano più gamers suddivisi in squadre. I team si affrontano sulle arene di battaglia online.

Queste rappresentano delle mappe di gioco in cui ogni squadra deve proteggere una determinata area. Per vincere è necessario conquistare i territori dei nemici.

I giochi FPS

I videogiochi FPS sono dei prodotti in cui il giocatore ha la visuale soggettiva di quello che succede nel gioco. Questa categoria di prodotti prevedono che i gamers spari agli avversari attraverso l’utilizzo di armi di cui ogni giocatore è dotato. La vera particolarità di questa categoria riguarda la visuale del giocatore.

I giochi Battle Royale

Infine, abbiamo i giochi Battle Royale. Si tratta di una categoria nuova in cui i giocatori sono tutti avversari e per vincere bisogna “mantenersi vivo”. Tutti i giocatori dei iniziano da un livello molto basso caratterizzato da equipaggiamenti scarsi.

Solo avanzando nel gioco, il gamer può migliorare il suo equipaggiamento e le sue risorse.

Appartengono a questa categoria di giochi titoli come: Fortnite Battle Royale, Apex Legends e Call of Duty: Warzone.

I giochi DCCG

I giochi della categoria DCCG, sono nei videogame di carte in cui l’elemento chiave è la capacità strategica del giocatore. Per giocare con questo tipo di prodotto non sono richieste particolari abilità manuali. Al giocatore è chiesto di aprire e acquistare buste di carta che andranno a completare la collezione.

In questo modo, si andrà a creare un mazzo di carte che dà accesso a diverse funzioni utili a sconfiggere gli avversari. Anche in questo gioco, tutti i giocatori sono avversari tra di loro e le sfide si svolgono su vari livelli.

Appartengono a questa categoria di videogame alcuni titoli molto famosi come Magic: The Gathering Arena e Hearthstone.

Gli eventi sportivi

Nell’ambito degli espots, ovvero dei giochi su quali è possibile puntare, non poteva mancare la categoria dedicata agli eventi sportivi.

Questa prende spunto dalle classiche competizioni agonistiche a squadra o individuali. Parliamo, dunque, di manifestazioni come:

  • Calcio
  • Basket
  • Automobilismo
  • Motociclismo

Gli Esport, ovvero gli sport elettronici, sono molto famosi sia a livello nazionale che internazionale.

Tutte le fasi dei tornei vengono seguite in streaming, mentre le finali possono essere trasmesse anche dal vivo con tanto di arbitri e telecronisti esperti.

A differenza di quello che si potrebbe pensare gli esports esistono da circa 40 anni.

Durante i primi anni di sviluppo di questo nuovo interesse, i montepremi erano davvero bassi. Oggi si è arrivati anche a bottini di 500 milioni di dollari.

In Italia lo sviluppo degli sport è stato leggermente più lento rispetto al resto del mondo. Il motivo principale di questo mancato successo riguarda l’assenza di sponsorizzazioni importanti ma anche un retaggio culturale che rende difficile l’inserimento di questa nuova disciplina.

Per questa ragione, nel Bel Paese gli esport non hanno ancora raggiunto i livelli che troviamo all’estero. Basti pensare che solo nel 2014 il Coni ha riconosciuto il settore dei giochi elettronici competitivi e ha iniziato a creare una regolamentazione ad hoc.

Negli ultimi tempi sono addirittura date delle scuole di formazione per arbitri, allenatori, analisti e commentatori di esport.

Tutto questo ci lascia credere che nei prossimi anni potremmo assistere ad una vera esplosione della popolarità degli esport elettronici anche in Italia.

BONUS DI BENVENUTO FINO A 1005€

L´offerta è valida solo per i nuovi clienti che si registrano dal 20 aprile 2022.

 

Clicca sul pulsante REGISTRATI presente in fondo alla pagina e, prima di procedere alla registrazione, verifica che sia stato riconosciuto il codice FUN-1005 all´interno del form di registrazione.

Il Fun Bonus associato alla promozione scommesse ha un wagering pari a 20, ciò significa che il Fun Bonus di 50€ deve essere rigiocato per 20 volte (1000€) affinché possa essere convertito in Real Bonus. L’importo massimo convertibile è pari a 100€.

In merito alla spendibilità del Bonus Progressivo, si applicano inoltre i termini e condizioni indicati di seguito:
– 25% (1,25€) su tutte le Roulette, tutti i Baccarat, tutte le Ruote della Fortuna, Dadi, HI Lo
– 75% (3,75€) su tutti gli altri giochi.

Il Bonus Progressivo sarà rilasciato a scaglioni di 10€ ogni 135 Status Points.

BONUS DI BENVENUTO 100% FINO A 200€ SUL PRIMO DEPOSITO + 100 GIRI GRATIS

Effettua un deposito subito dopo avrai automaticamente accreditato un equivalente del 100% del tuo deposito fino a 200€.

Il bonus ricevuto (Fun Bonus) deve essere scommesso un minimo di quarantacinque (45) volte. Una volta soddisfatto tale requisito, il bonus diventerà reale. Il bonus reale

Deposita utilizzando il codice che riceverai una volta che hai selezionato su deposita all’interno del tuo conto gioco.

Inoltre all’invio del documento riceverai 20 giri gratis in più

BONUS SENZA DEPOSITO 25€ Gratis

Il bonus è diviso in 5€ sulle slot machine Playtech e 5€ sulle slot Capecod Gaming.

Il bonus senza deposito è accreditato sul conto entro 5 giorni dopo la verifica dell’identità.

Il bonus ottenuto è un game bonus che deve essere scommesso per 10 volte per essere convertito in bonus cash.

Con il bonus cash si possono ottenere vincite reali e si possono prelevare.

BONUS CON DEPOSITO 100% FINO A 1000€

Nuovo Bonus del 100% fino a 1.000€
Requisito di giocata per i bonus da 20x

Il bonus è disponibile per il gioco sul Casinò Blue che contiene solo giochi Playtech.

Tagged With :

Lascia un commento